Assemblea Regionale Ordinaria Intermedia

palazzo vertemati franchi
L’assemblea e le sue relazioni, come ogni anno, condividono sempre gli stessi ideali di una grande famiglia. Il resoconto finale presenta un riepilogo dei lavori svolti e permette di condividere il futuro di un’Associazione ormai matura sotto molti punti di vista…

Per visualizzare questo articolo devi accedere con il tuo account.

Back to top
error: Il contenuto è protetto

PALAZZO VERTEMATE FRANCHI: DIMORA CINQUECENTESCA LOMBARDA

palazzo vertemati franchiIl complesso che comprende palazzo, rustici ed un sistema di aree a verde con diversificate caratterizzazioni funzionali, sorge all´estremità nord dell´abitato di Prosto, in una posizione isolata rispetto al borgo di Piuro, distrutto da una frana nel 1618. Grazie alla posizione climaticamente privilegiata, l´antica Roncaglia, si è potuto dar luogo, oltre al vigneto per la produzione del Vertemate Vino Passito, al frutteto dominato da un´edera monumentale, all´orto, al giardino all´italiana con peschiera in pietra locale, nel versante a valle del palazzo, e al castagneto nel versante a monte; queste attività sono state mantenute a lungo, sebbene con alterne vicende, in un sito abitato pressoché fino al 1985, quando passò al Comune di Chiavenna per lascito dell´ultimo proprietario. Fondamentale fonte iconografica, per identificare l´assetto originario del complesso, sono i due dipinti che rappresentano Piuro prima e dopo la frana del 1618.

In essi è possibile notare che l´impostazione strutturale della villa e dei fondi, salvatisi grazie alla dislocazione, non ha subito nel tempo variazioni significative. Tra il 1879, quando si estinse la famiglia Vertemate, e il 1902, quando fu acquistata dall´antiquario milanese Napoleone Brianzi, l´intera proprietà venne progressivamente degradandosi, l´arredo andò disperso, i terreni vennero inselvatichendosi.

Il Brianzi curò il restauro ed il nuovo arredo del palazzo, introducendovi pezzi d´epoca provenienti da altre dimore, di cui pure rimane solo una parte. Dopo il 1937 la proprietà passò ad A. Feltrinelli e L. Bonomi, che nuovamente la arricchirono di arredi di pregio e le assicurarono la necessaria manutenzione. Dal 1988 il palazzo è Casa Museo del Comune di Chiavenna, che ha provveduto al restauro delle opere lignee interne, quadri ed alla catalogazione di tutti gli arredi e oggetti contenuti nel palazzo. Nel 1995 il Comune di Chiavenna ha inoltre deliberato di estendere a tutta la componente vegetale del complesso il carattere museale finora attribuito al solo palazzo.  Si tratta da un lato di conservare i connotati storici riconoscibili nel sistema vigneto - orto - giardino - frutteto - castagneto; dall´altro di riproporre le sistemazioni storicamente accertate (per esempio gli agrumi in vaso disposti tra orto e vigneto); dall´altro infine, di proporre coltivazioni non necessariamente in uso presso il Vertemate, ma caratteristiche dell´area geografica e dell´epoca che esso documenta (per esempio un orto storico con finalità didattiche).

www.palazzovertemate.it